Sicurezza sul lavoro, Digitalizzazione

Come coinvolgere le persone nella sicurezza

Riflessioni e suggerimenti

5 Minuti

Scritto da Timo Kronlöf

A mio parere, il campo della sicurezza è sempre stato piuttosto conservatore e controverso. Ho visto troppe volte obiettivi operativi e obiettivi di sicurezza non allineati e spesso sono gli obiettivi operativi a prevalere. Comunemente le frasi utilizzate in risposta all’implementazione di nuovi impegni di sicurezza sono: "L'abbiamo già testato 10 anni fa. E non ha funzionato" oppure “La sicurezza è sicuramente la nostra priorità, ma dobbiamo prima terminare questo lavoro".

Qualunque siano state le scuse utilizzate, noi professionisti della sicurezza avremmo dovuto prenderla più seriamente. Dobbiamo approfondire il motivo per cui i nostri collaboratori ritengono che la sicurezza non sia la priorità numero 1. Perché alla fine cercano scorciatoie e non seguono le regole? Perché le persone guardano alla sicurezza con approccio negativo e la percepiscono solo come un sacrificio che richiede troppo sforzo rispetto al valore aggiunto che apporta?

La risposta è semplice: siamo umani. È naturale che un lavoro più regolamentato non è visto come una cosa positiva. Ma è la stessa naturale sensazione di pigrizia che ci deve far migliorare. Affrontare il problema è una sfida enorme per chi si occupa di sicurezza, ma anche per i team tecnologici che cercano di spronare le persone ad utilizzare una soluzione informatica per poterla gestire meglio.

La sfida più grande: l'impegno delle persone

Direi che la sfida più grande per migliorare la cultura della sicurezza è quella di riuscire a coinvolgere più persone nella sicurezza. Nel lungo periodo questo significa che dobbiamo rendere la sicurezza più coinvolgente e intraprendere delle azioni per deregolamentare il lavoro. Nella mia esperienza ho visto che con regole e sanzioni è possibile ottenere un buon livello di sicurezza. Tuttavia, i migliori responsabili della sicurezza utilizzano sempre più spesso strumenti diversi dal classico "bastone". Piuttosto “carote” e altri incentivi positivi stanno prendendo piede con l'evoluzione della cultura della sicurezza.

Migliorare l'atteggiamento generale verso la sicurezza farà sì che le persone apprezzino di più la sicurezza senza dover incorrere in strumenti puntivi e maggiori controlli. Per fare questo abbiamo bisogno di un approccio che punti di più a creare motivazione rispetto a quello che utilizzavamo in passato. Essere dei buoni cultori della sicurezza e avere delle buone performance in questo ambito dovrebbe essere motivo di orgoglio. Permettetemi di fare alcuni esempi su come si potrebbe procedere.

Meno indicatori negativi, più indicatori positivi

Gli indicatori di sicurezza, come ad esempio la frequenza degli incidenti e il costo degli incidenti, sono indicatori negativi, proprio come ciò che si analizza con gli audit e le ispezioni di sicurezza. Quello che solitamente si cerca sono le non conformità, le regole che non vengono rispettate. E ciò si ripercuote su ogni livello. Se si va a guardare solo gli aspetti negativi, è naturale poi usare il “bastone” e punire o sanzionare i comportamenti sbagliati.

Se invece ci concentrassimo di più sulle cose positive e i fattori di successo, allora ci verrebbe più facile usare la “carota” e spostare l'attenzione verso il riconoscimento e la ricompensa. Molte aziende leader hanno già introdotto delle iniziative o dei programmi di sicurezza che si concentrano sulle cose positive, come il reporting attivo della sicurezza o la segnalazione di best practice. I problemi sorgono quando si inizia a pensare a quale sistema premiante adottare. Quale sarebbe la giusta ricompensa che possa motivare le persone? Come gestire la logistica di un sistema premiante? Gli strumenti di ricompensa più utilizzati sono i buoni regalo, i ticket per il pranzo o i biglietti per il cinema, ma ho anche visto sistemi di ricompensa integrati negli obiettivi di sicurezza e nello stipendio mensile dei dipendenti.  Il fattore di successo principale per un sistema premiante di questo tipo sta nell’essere trasparente, tempestivo e ben comunicato in tutta l'organizzazione.

Sfruttate la tecnologia

La tecnologia non risolverà automaticamente tutti i vostri problemi di sicurezza. Tuttavia, può fare un'enorme differenza nel coinvolgimento delle persone e nello svolgimento della loro attività inerenti alla sicurezza. Se la valutazione del rischio richiede 5 minuti, allora ci si può aspettare più valutazioni rispetto a 60 minuti. Questo è sicuro. Lo stesso vale per qualsiasi attività relativa alla sicurezza. Ciò significa che uno dei principali obiettivi del dipartimento HSE dovrebbe essere quello di ridurre il tempo necessario per il reporting.

La principale questione motivazionale per coinvolgere le persone è il feedback. Se le persone ricevono un feedback veloce e le cose iniziano ad accadere rapidamente dopo che qualcuno ha segnalato un near miss, c'è una buona possibilità di aumentare il coinvolgimento. Il dipartimento HSE dovrebbe sforzarsi di sviluppare il processo di segnalazione e di feedback nel modo più fluido possibile. Sbarazzarsi dei documenti e introdurre strumenti mobili aiuterà molto in questo caso.

Rendetelo social

Il feedback da parte dell'azienda e dei manager è essenziale, ma ancora più interessante è il feedback dei colleghi. Forse potremmo utilizzare le idee che i social media hanno introdotto, condividendo i contenuti. L’HSE management potrebbe imparare molto dai social media su come rendere ad esempio le informazioni sulla sicurezza più trasparenti, più interessanti e più personali. Nessuno è costretto a seguire amici, compagni o altre persone sui social media, ma ad un certo si è costretti a leggere le lettere sulla sicurezza. Questa piccola differenza è la chiave per rendere la sicurezza più coinvolgente. Iniziate a pensare alle informazioni interessanti sulla sicurezza che le persone potrebbero voler seguire, commentare e lasciare i propri “like”.

Fate il primo passo

Iniziate a muovervi verso un approccio più positivo alla sicurezza potenziando il vostro programma di iniziative. Utilizzate più “carote” che “bastoni”. Rendete la sicurezza più facile per i vostri dipendenti e fornite loro dei modi migliori per dare un feedback e condividerne i contenuti. Con il tempo, otterrete sicuramente più persone coinvolte e una cultura della sicurezza più attiva nella vostra organizzazione.

Vuoi scoprire di più su come contribuire alla diffusione della cultura della sicurezza nella tua azienda? Allora non perderti questo video in cui spieghiamo come i dispositivi mobili possono realmente essere di supporto nel raggiungere tale obiettivo.

Guarda il video ora

Timo Kronlöf
Product Manager, Quentic Group/Managing Director, Quentic Finland

Altri argomenti che potrebbero interessarti

Sicurezza sul lavoro, Digitalizzazione

Report: Mantenere la prospettiva durante una crisi

Sei pronto per affrontare le crisi future? Impara dalle best practices di crisis management di altre aziende e rafforza la gestione HSE nel lungo periodo: dalla gestione dei processi alla cultura HSE, dalla leadership ad …

Scarica il whitepaper
Sicurezza sul lavoro, Digitalizzazione

Coinvolgere i dipendenti in sicurezza tramite app

Se anche tu desideri contribuire alla diffusione della cultura della sicurezza nel contesto aziendale non puoi assolutamente perderti questo video in cui spieghiamo come i dispositivi mobili possono realmente essere di …

Guarda il video
Digitalizzazione

Come coinvolgere le persone con una app

Utilizza la Quentic App come canale di reporting mobile per sicurezza sul lavoro, gestione ambientale e sostenibilità. Scopri come documentare valutazioni del rischio, audit, ispezioni o altri eventi immediatamente e da …

Guarda il video