Ambiente e sostenibilità, Compliance

Il Regolamento UE sulla tassonomia e la sua attuazione

Un esempio pratico e una checklist con 7 punti per l'allineamento alla Tassonomia

13 minuti

Il tempo del greenwashing sta per finire. Le aziende e le istituzioni finanziarie sono adesso obbligate a prendere una posizione sulla vera sostenibilità. Di conseguenza, il business sostenibile è diventato molto più di un concetto etico e normativo e deve invece essere supportato da fatti e cifre concrete. I requisiti della rendicontazione non finanziaria sono di aumentati di conseguenza. Un elemento centrale di questo spostamento verso una sostenibilità qualitativamente misurabile è il Regolamento UE sulla Tassonomia. Ma cosa significa per te e per la tua azienda? In questo articolo discutiamo i fatti più importanti ed esploriamo il contesto della tassonomia UE. Scopri le circostanze in cui il regolamento si applica alla tua azienda e i requisiti che le attività aziendali devono soddisfare per diventare conformi alla tassonomia. Riceverai anche una checklist con passi specifici per guidarti verso un allineamento alla Tassonomia, oltre ad un esempio pratico che ti aiuterà a chiarire le cose. Per navigare nell'articolo, clicca sui punti sottostanti:

Whitapaper ESG e Tassonomia UE

La Tassonomia e l'ESG

L'ESG e la Tassonomia dell'UE fanno parte di uno sforzo volto a rendere il più possibile chiari, solidi e comprensibili i requisiti relativi alle prestazioni di sostenibilità, definendo così i criteri di investimento che possano costituire una base per investimenti sostenibili dal punto di vista ambientale. Allinea la strategia di sostenibilità al futuro! Nel nostro whitepaper gratuito troverai:

  • Informazioni sintetiche sui criteri ESG
  • Spiegazioni dettagliate su DNSH e Doppia Materialità
  • KPIs e indicatori per ogni fattore ESG
Scarica adesso

Sintesi sulla Tassonomia UE

La Commissione europea ha adottato il Pacchetto sulla Finanza Sostenibile, un pacchetto ambizioso e completo di misure che mira ad orientare i flussi di capitale verso attività sostenibili in tutta l'Unione europea. Una parte fondamentale di questo pacchetto è la Tassonomia UE, più precisamente nota come Regolamento sulla tassonomia dell'UE (Regolamento (UE) 2020/852). Si tratta di un insieme di criteri di selezione che mira a facilitare le valutazioni per stabilire se un'attività aziendale contribuisce in modo significativo alla sostenibilità, in particolare alla mitigazione e all'adattamento ai cambiamenti climatici. Oltre a contribuire in modo significativo a uno o più obiettivi ambientali, nessuno degli altri obiettivi ambientali deve essere danneggiato. Inoltre, la tassonomia UE richiede anche l'allineamento con gli standard sociali minimi. La Tassonomia ha creato, per la prima volta, un quadro normativo che definisce ciò che costituisce un business sostenibile dal punto di vista ambientale.

Criteri di sostenibilità nel Regolamento sulla Tassonomia UE

Il Regolamento sulla Tassonomia stabilisce che un'attività commerciale è "sostenibile dal punto di vista ambientale" se:

I 6 obiettivi ambientali della Tassonomia UE

  • Mitigazione dei cambiamenti climatici

  • Adattamento ai cambiamenti climatici

  • Uso sostenibile e protezione delle risorse idriche e marine

  • Transizione verso un'economia circolare

  • Prevenzione e controllo dell'inquinamento

  • Protezione e ripristino della biodiversità e degli ecosistemi

Criteri di valutazione tecnica e requisiti di performance

I contributi agli obiettivi ambientali sono supportati da criteri contenuti in ulteriori atti delegati e con riferimento ad altri regolamenti e linee guida dell'UE. Le aziende devono dimostrare che le Business Operations corrispondono a criteri tecnici di selezione che determinano i requisiti di performance per determinate attività aziendali. Sebbene i criteri di prestazione si riferiscano a ciascuno dei sei obiettivi ambientali, essi sono stati esplicitati solo per i primi due: mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici. Questi criteri di prestazione possono essere utilizzati per determinare in quali circostanze e in quale misura un'attività influisce positivamente sugli obiettivi ambientali senza compromettere gli altri obiettivi.

Viene inoltre fatta una distinzione tra attività commerciali sostenibili dal punto di vista ambientale ("green"), attività abilitanti e attività di transizione. Queste attività forniscono un contributo diretto e significativo oppure sono indirette, hanno un effetto abilitante e sostengono la transizione verso un'economia neutrale dal punto di vista climatico. Ad esempio, se i prodotti di un'azienda contribuiscono a ridurre le emissioni di gas serra nella fase di utilizzo da parte dei clienti finali o di altre aziende. Le attività abilitanti devono quindi avere un impatto positivo nel corso del loro ciclo di vita. Le attività di transizione contribuiscono a un sistema economico neutrale dal punto di vista climatico nei casi in cui non sono disponibili alternative rispettose del clima per ragioni tecniche o economiche. Tuttavia, queste attività di transizione devono essere le più rispettose dell'ambiente nel loro settore e non devono aggravare gli effetti di lock-in.

Buono a sapersi: l'effetto Lock-In

Un effetto lock-in si basa su una dipendenza dal percorso e ostacola il progresso di alternative migliori nonostante la loro inferiorità.

Un effetto lock-in rilevante in questo contesto è il carbon lock-in. Questa dipendenza dal percorso riguarda i combustibili fossili ed è di natura industriale e tecnologica. Il carbon lock-in è uno stato persistente in cui le barriere di mercato e le barriere politiche ostacolano massicciamente la diffusione di alternative a basse emissioni di carbonio nonostante i loro vantaggi ambientali ed economici.

Limiti e soglie

I requisiti di performance considerano le attività generalmente sostenibili oppure assumono la forma di limiti e soglie.

Generalmente sostenibile

Limiti/soglie

Produzione di batterie che consentono di ridurre le emissioni di gas serra nel settore dei trasporti.

La produzione di cemento è soggetta a un limite di sostenibilità di 0,722 t CO2e/t di clinker di cemento e < 0,469 t CO2e/t di cemento prodotto con leganti idraulici alternativi o clinker grigio.

Acciaio altamente legato prodotto in forni elettrici ad arco, a condizione che venga utilizzato almeno il 70% di rottami di acciaio.

La produzione di ghisa liquida è considerata sostenibile al di sotto dei limiti di emissione di gas serra di 1,331 t CO2e/t di prodotto, mentre il limite per l'acciaio altamente legato prodotto in un forno elettrico ad arco è di 0,266 t CO2e/t.

La Tassonomia UE considera le plastiche come generalmente sostenibili solo se sono state prodotte interamente attraverso il riciclo meccanico delle plastiche usate. Il riciclo chimico viene considerato solo se non è disponibile un metodo meccanico o se i metodi meccanici non sono economici. Le valutazioni del ciclo di vita del riciclo chimico devono dimostrare che le emissioni di gas serra nell'intero ciclo di vita sono inferiori a quelle delle plastiche convenzionali a base fossile. Tali valutazioni non devono tenere conto di eventuali crediti, ad esempio per il disaccoppiamento dai combustibili fossili, o di effetti di sostituzione. Le plastiche a base biologica prodotte con materiali rinnovabili, cioè biomasse, rifiuti biologici industriali e rifiuti solidi urbani, sono considerate sostenibili se si può dimostrare che producono emissioni di gas serra inferiori rispetto ai metodi di produzione convenzionali a base fossile. Inoltre, la coltivazione della biomassa deve rispettare i criteri di sostenibilità stabiliti dalla Direttiva (UE) 2018/2001.

I limiti e le soglie sono stabiliti nei regolamenti sull'assegnazione di certificati di emissione gratuiti nell'ambito del sistema di scambio di quote di emissione dell'Unione Europea o corrispondono ad un parametro di efficienza energetica. In ogni caso, come parametro di riferimento viene preso il miglior 10% dei dati di produzione europei. Più precisamente, il benchmark è determinato dai dati del 10% degli impianti più efficienti nel 2016 e nel 2017, in conformità con l'allegato al Regolamento (UE) 2021/447.

Implementare la Tassonomia UE in 7 passaggi

Per adeguarsi alla Tassonomia UE, le aziende devono analizzare attentamente le loro attività commerciali e identificare in che misura esse contribuiscono in modo sostanziale ai sei obiettivi ambientali. Devono, altresì, dimostrare che determinate attività non hanno un impatto negativo su altri obiettivi ambientali e che vengano rispettati gli standard sociali minimi.

È importante stabilire e adattare i processi di raccolta, controllo e rendicontazione dei dati per facilitare la successiva rendicontazione dei KPIs finanziari e non finanziari. Le aziende dovrebbero, pertanto, interpellare in fase iniziale i dipartimenti di competenza e i principali stakeholders. Utilizza i seguenti passi per guidare il vostro viaggio verso l'allineamento della Tassonomia:

1. Preparazione al reporting di sostenibilità

Una preparazione sistematica è il primo passo consigliabile prima dell'entrata in vigore dei requisiti di legge. Si tratta di chiarire gli obiettivi della tua azienda e di raggiungere un'intesa sul vostro livello di ambizione. Vuoi raggiungere rapidamente l'allineamento, concentrarti sull'innovazione strategica della sostenibilità o implementare una gestione della sostenibilità a lungo termine basata sul miglioramento continuo? Quando si prendono decisioni nella fase di preparazione, è importante prendere in considerazione le prospettive che riflettono il contesto del vostro settore e i contributi delle diverse funzioni aziendali (ad esempio, Sostenibilità, Controlling, Finance, Allineamento, Produzione, Sales ecc.)

2. Studio preliminare

È necessario stabilire i dati necessari e gli eventuali gap informativi in una fase iniziale, idealmente in uno studio preliminare. Anche in presenza della versione definitiva della CSRD, si consiglia di fare una prima esperienza con gli standard utilizzati finora.

3. Identificare le business operations allineate alla Tassonomia

La Bussola della Tassonomia UE è un foglio Excel contenente informazioni di base sulle attività aziendali "green". Esso consente alle aziende di verificare se svolgono una delle attività elencate o se contribuiscono direttamente alla riduzione delle emissioni di gas serra di altre aziende. Inoltre, consente alle aziende di identificare le attività transitorie per le quali non esistono attualmente alternative rispettose del clima. Per tali attività devono essere registrati gli Indicatori Finanziari.

Protocollo GHG Norma ISO 14064

Ridurre le emissioni di gas serra

Le aziende possono identificare i punti critici delle emissioni e scoprire potenziali fonti di ottimizzazione calcolando l'impronta di carbonio aziendale. Questo articolo illustra i metodi di raccolta e calcolo dei dati per questo indicatore fondamentale della tassonomia, in conformità con il Protocollo GHG e la norma ISO 14064.

Leggi adesso

4. Screening della Tassonomia per identificare i contributi sostanziali

I criteri tecnici di screening e le soglie definite consentono di esaminare l'allineamento con i requisiti minimi della tassonomia. Finora sono stati pubblicati requisiti per due obiettivi: mitigazione dei cambiamenti climatici e adattamento ai cambiamenti climatici. Ulteriori atti delegati stabiliranno i criteri per gli altri obiettivi ambientali.

5. Valutazione DNSH (Do No Significant Harm)

Utilizzando una serie di domande di controllo, questa valutazione consiste nel verificare che ogni attività selezionata non abbia un impatto negativo significativo sugli obiettivi ambientali.

I criteri DNSH nella Tassonomia UE

I criteri DNSH nella Tassonomia UE

In questo articolo puoi valutare se e in che misura la tua azienda fornisce un contributo sostanziale ai sei obiettivi ambientali in base al principio DNSH (Do No Significant Harm). Considera le sei domande di controllo nel nostro articolo sui due criteri ESG più importanti: Doppia Materialità e DNSH.

Scopri di più

7. Calcolo dei KPIs finanziari

In questa fase, il compito è quello di analizzare la percentuale di fatturato, CapEx e OpEx delle attività aziendali che le fasi precedenti hanno dimostrato essere allineate alla tassonomia. Questa fase finale comprende anche la raccolta di documenti e dati di supporto, ad esempio le impronte di carbonio e le analisi del ciclo di vita.

KPIs della tassonomia: Fatturato, CapEx e OpEx

Esempio di valutazione dell'allineamento alla Tassonomia

Caso aziendale

Un'azienda produttrice di cemento con cinque siti produttivi deve dimostrare ad un investitore il proprio allineamento alla Tassonomia UE e illustrare in che misura le attività aziendali contribuiscono alla sostenibilità. La produzione di cemento è ad alta intensità di carbonio a causa delle emissioni dirette (cioè legate al processo) di CO2 nella produzione di clinker e nei processi ad alta temperatura. Le emissioni di CO2 legate al processo di calcinazione rappresentano circa il 65% delle emissioni totali. Allo stato attuale, queste emissioni non possono ancora essere evitate.

Valutazione dell'allineamento alla Tassonomia

Tutti e cinque i siti produttivi dell'azienda presa come esempio producono esclusivamente cemento e ogni stabilimento contribuisce al 20% del fatturato complessivo dell'azienda. Solo due stabilimenti sono in grado di rispettare la soglia imposta dalla Tassonomia UE, producendo cemento con emissioni medie inferiori a 0,722 t CO2e/t. Di conseguenza, solo le attività commerciali di questi due siti potrebbero essere designate come sostenibili dal punto di vista ambientale in conformità con il regolamento sulla tassonomia dell'UE. Si noti la formulazione: "potrebbero essere designate". Prima di poter dichiarare che questi siti sono conformi ai requisiti della Tassonomia UE, l'azienda deve dimostrare che queste attività sono conformi al principio DNSH e non hanno un impatto negativo su nessuno degli altri cinque obiettivi ambientali. In primo luogo, l'azienda è in grado di dimostrare che tutti i suoi siti soddisfano tutti i requisiti minimi stabiliti dalle Linee Guida dell'OECD per le imprese multinazionali. Tuttavia, uno dei due cementifici si trova in un'area che ha sperimentato ripetute carenze idriche nelle ultime estati. Pertanto, le operazioni di produzione del cemento hanno un impatto negativo sull'obiettivo ambientale dell'uso sostenibile delle risorse idriche.

Sintesi

Dal momento che solo due sedi produttive rispettano la soglia e una di queste due ha un impatto negativo su un obiettivo ambientale, l'azienda può designare solo il 20% del suo fatturato come allineato alla Tassonomia UE.

Prossimi passi per l'azienda oggetto di studio

Poiché solo due dei cinque stabilimenti rispettano la soglia stabilita nei criteri tecnici di screening (0,722 t CO2e/t), l'azienda dovrebbe investire in misure di efficienza energetica, miglioramenti dei processi e tecnologie a emissioni negative.

Whitepaper ISO50001 Efficienza Energetica Tassonomia UE

Norma ISO 50001 per l'efficienza energetica

L'adozione della norma ISO 50001, lo standard internazionale per i sistemi di gestione dell'energia, ti consentirà di apportare miglioramenti continui e mirati alle vostre prestazioni energetiche. Il nostro whitepaper illustra come implementare i requisiti dello standard nella pratica e come integrarli nei processi esistenti. Esso fornisce:

  • Una panoramica di tutti i requisiti dello standard
  • Suggerimenti sugli sgravi fiscali e sulle maggiorazioni
  • Checklist per ottenere la certificazione
Scarica adesso

Dal punto di vista attuale, l'uso delle tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS) e, potenzialmente, di cattura e utilizzo del carbonio (CCU) sembra ineludibile, se si vuole che il settore del cemento sia neutrale dal punto di vista climatico. L'elettrificazione e il cambio di combustibile sono modi potenziali per ridurre le emissioni indirette generate dalla fornitura di calore di processo. L'azienda oggetto di studio investirà 25 milioni di euro per implementare le misure iniziali nei prossimi anni, contribuendo così all'obiettivo ambientale della mitigazione del cambiamento climatico. In un progetto su scala minore, con un budget di 2,5 milioni di euro, l'azienda investirà in sistemi di drenaggio in uno dei suoi siti, che contribuiranno alla protezione dalle inondazioni, sostenendo così l'obiettivo ambientale dell'adattamento ai cambiamenti climatici. L'azienda intende assicurarsi un capitale esterno di 27,5 milioni di euro per finanziare queste misure. Gli investimenti in queste misure possono essere descritti come pienamente allineati alla Tassonomia dell'UE.

Conclusioni

Le aziende devono informarsi sulla portata del Regolamento sulla Tassonomia e sviluppare strategie di attuazione. A causa dell'obiettivo della tassonomia di incanalare i flussi di cassa in opportunità commerciali sostenibili, vi è una crescente pressione per ottimizzare le prestazioni di sostenibilità e produrre relazioni trasparenti. Solo attraverso una gestione strategica della sostenibilità e seguendo le 7 fasi di implementazione del Regolamento UE sulla Tassonomia potrete assicurarvi l'accesso al mercato dei capitali nel lungo periodo.

Tuttavia, il cambiamento verso la sostenibilità che pervade la società nel suo complesso è un forte argomento a favore del Reporting volontario della Tassonomia. La tua azienda beneficerà di una maggiore domanda sul mercato dei capitali e di condizioni di finanziamento più favorevoli per i fondi pubblici e i programmi di investimento. La gestione della sostenibilità nell'ambito dei contenuti della Tassonomia UE è un processo di miglioramento continuo in cui gli investimenti possono essere generalmente designati come pienamente allineati alla Tassonomia. Dovresti considerare il regolamento sulla Tassonomia UE come un'opportunità per promuovere il progresso economico e per consentire alla tua azienda di contribuire realmente al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite.

Altri argomenti che potrebbero interessarti

Ambiente e sostenibilità

Indicatori di performance ambientale ed esempi per il tuo reporting ESG

GRI, EMAS o linee guida della Commissione Europea? Tieni traccia e decidi quali set di indicatori ambientali sono essenziali per i tuoi reports ESG e di sostenibilità.

Leggi articolo specialistico
Ambiente e sostenibilità

ESG: allinea la tua strategia aziendale con il futuro

Fatti, concetti e indicatori di performance per la gestione della sostenibilità. Utilizza i criteri ESG come base per la competitività e l'accesso a lungo termine al mercato finanziario.

Scarica il whitepaper
Ambiente e sostenibilità

Calcolare l’impronta di carbonio con un clic: calcolo efficiente dei KPIs a livello globale

Per il Gruppo Dussmann, calcolare e registrare l’impronta di carbonio di tutte le divisioni aziendali in 21 Paesi è stata una vera sfida. La soluzione software Quentic lo ha reso possibile.

Leggi storia di successo

X